Che cos'è un e-commerce? Caratteristiche e tipologie

20/04/2018 00:58

Che cos'è un e-commerce? Caratteristiche e tipologie

Fonte: www.losectrl.it

Che cos'è un e-commerce? Caratteristiche e tipologie

E-commerce: ne sentiamo parlare continuamente, ma non molti sanno di cosa si tratta effettivamente e come funziona. In questo primo articolo cercheremo di dare una definizione chiara e corretta del termine, capiremo poi, in maniera più dettagliata, le modalità di funzionamento, perchè conviene alle aziende e agli acquirenti, e infine quali sono i fattori che ne determinano il prezzo.


Che cos'è un e-commerce?


Ad oggi il concetto di impresa è stato rivisitato e modernizzato grazie al progresso tecnologico, che ha permesso lo sviluppo di piattaforme di vendita di prodotti e servizi di ogni tipo, proprio sul web.

Conseguenzialmente a ciò, lo scenario pubblico sociale si sta abituando sempre di più a fare acquisti su Internet, permettendo al fatturato delle vendite online di crescere esponenzialmente ogni anno.  

E-commerce (electronic commerce) si riferisce quindi ad una forma di commercio in cui la vendita di prodotti o servizi avviene tramite la rete, utilizzando piattaforme informatiche di diversa tipologia e struttura, a seconda del genere di business coinvolto.

A questo proposito esistono diverse categorie di commercio elettronico, in relazione ai soggetti che lo delineano e ai destinatari, classificandole in:
Business To Business (B2B): si riferisce ad  una transazione commerciale che si svolge tra due imprese, che possono usare il web per rafforzare rapporti con importanti clienti.
Business To Consumer (B2C): si tratta di una transazione che si svolge tra l'azienda e il consumatore finale, con veri e propri negozi virtuali in cui sono presenti cataloghi e listini liberamente accessibili ai visitatori del sito.
Consumer To Consumer (C2C): ovvero una forma di asta online. Le modalità di transazione sono gestite direttamente dal venditore e dall'acquirente, in quanto si tratta di veri e propri scambi online di beni.
Consumer To Business (C2B): in questa tipologia di transazione sono i consumatori che definiscono il prezzo che sono disposti a pagare per l'acquisto di un prodotto e le imprese possono decidere se accettare o meno l’offerta. 


Questi modelli devono essere presi in considerazione nel momento in cui si decide di avviare un'attività di questo tipo, in modo da avere un quadro tecnico e strategico sul target e sugli obiettivi da raggiungere.
L'e-commerce non pone limiti nè quantitativi nè qualitativi alla proposta di prodotti e/o servizi da mettere in vendita, creando, ad oggi, una realtà che va oltre la semplice vetrina online o il sito che rappresenta in modo asettico l'azienda, poichè è necessario che questo venga seguito in maniera attiva e costante, elaborando strategie di marketing e posizionamenti all'interno dei motori di ricerca.


In Italia solo nel 2017 i negozi online sono aumentati del 19%, soprattutto per settori di punta come i viaggi, il lusso, il food, ma anche per altri mercati come l'editoria e l'arredamento di case. Crescono gli acquisti da dispositivi mobili, anche se in Italia restano inferiori rispetto a quelli da desktop per il 69%, a causa della scarsa presenza di piattaforme "responsive" anche su tablet e smartphones.


Analizzeremo nel prossimo articolo quali sono i vantaggi e gli svantaggi dell'e-commerce per le aziende e per gli utenti che effettuano acquisti online. 

Our latest updates

What's Happening?