E-commerce: pro e contro per aziende e acquirenti

04/05/2018 01:31

E-commerce: pro e contro per aziende e acquirenti

Fonte: www.losectrl.it

E-commerce: pro e contro per aziende e acquirenti

L'e-commerce rappresenta, ad oggi, un'opportunità di business: il numero degli imprenditori che si affidano ad Internet per vendere i loro prodotti o servizi è in costante crescita, dal momento che il tempo speso sul web dai consumatori è in aumento e acquistare online è diventato un trend.  Molti brand scelgono di affiancare ad un e-commerce una vendita al dettaglio fisica, mentre altri si affidano esclusivamente alla strada digitale per migliorare i propri profitti, anche se un negozio online non è di per sè garanzia di successo.
Dietro al boom degli acquisti e vendite online ci sono numerosi fattori. Vediamo perché l’e-commerce è il business del futuro, ma anche perché può essere un rischio, analizziamone pro e contro.


Perchè aprire un negozio online? 


Iniziamo col considerare i vantaggi dei punti vendita online, dal punto di vista degli acquirenti.
Competitività nel prezzo: la scelta degli acquisti online è spesso mossa da promozioni, sconti e offerte, in relazione al fatto che le aziende, grazie ai minori costi dati da un e-commerce rispetto ad un negozio fisico, possono vendere i propri prodotti a prezzi ribassati, e quindi più competitivi rispetto alla vendita al dettaglio.
Informazioni e comparazioni: il consumatore può raccogliere tutte le informazioni necessarie prima di procedere con l'acquisto, tramite schede dettagliate, commenti di altri consumatori e alternative proposte.
Maggiore reperibilità: i siti e-commerce possono avere a disposizione determinati prodotti che l'acquirente fatica a trovare nel commercio di retail.
Comodità: è possibile procedere all'acquisto in qualsiasi momento, dato che esso è operativo h24 tutti i giorni dell'anno, con la convenienza di ricevere i prodotti a domicilio.
Consultazione e usabilità multidevice: sempre più spesso gli acquisti avvengono davanti ad uno smartphone o un tablet e  in maniera minore davanti al computer, per cui è importante che il sito sia multidevice.
Metodi di pagamento sicuri: tutti i sistemi bancari, dal contrassegno, al bonifico, al conto PayPal, sono allineati per garantire la massima sicurezza e riservatezza dei dati.
Recesso: per gli acquisti online è possibile usufruire del diritto di recesso, secondo le norme di legge, per merce difettosa o non conforme, senza contare il rimborso in caso di ritardi nella spedizione.
Feedback: prima di acquistare articoli online, è opportuno consultare i pareri degli altri acquirenti, specialmente se si tratta di prime esperienze nell'ambito del mercato elettronico, oppure per essere rassicuranti circa la garanzia del prodotto. 


Dal punto di vista delle aziende, quali sono i vantaggi?
Riduzione dei costi: aprendo un punto di vendita online si possono ridurre notevolmente i costi, fissi e variabili, rispetto ad un negozio fisico. Senza contare che si riducono i costi legati alla distribuzione, poichè, evitando di affidarsi ad intermediari, i prodotti possono essere venduti a prezzi inferiori, mantenendo invariati i ricavi. Nel caso in cui si possieda già un punto vendita fisico,  un e-commerce permette di incrementare le vendite. 
Marketing di riscontro: dall'analisi dell'esperienza utente all'interno dello store online, si possono raccogliere dati relativi agli acquirenti e utilizzarli, ad esempio, per campagne di marketing su un target specifico, creando messaggi promozionali efficaci. Dati di questo tipo possono essere, ad esempio, la quantità di utenti che ha visitato il sito e la loro provenienza, quali sezioni vengono visitate più frequentemente e quali acquisti vengono fatti. 
Accesso ad un mercato globale: un e-commerce offre la possibilità di vendere i prodotti in tutto il mondo, andando incontro alle esigenze dei consumatori, che possono effettuare acquisti senza limiti di distanza e di tempo.
Magazzino non necessario: non necessariamente uno store online deve possedere un magazzino, grazie alla possibilità di stringere accordi con i fornitori affinchè si occupino loro dello stoccaggio e della spedizione delle merci direttamente ai consumatori.


E gli svantaggi?


I rischi sono legati innanzitutto alla mancanza di un "contatto fisico" con il prodotto, quindi l'impossibilità di verificarne tutti i requisiti. Molti consumatori preferiscono il negozio tradizionale proprio per la possibilità di provare o toccare con mano il prodotto. 
A differenza dei metodi di acquisto tradizionale, i tempi di attesa per la cosegna dell'acquisto sono tecnicamente più lunghi, senza contare che i costi di spedizione sono a carico del cliente o dell'azienda.


In conclusione:


L’e-commerce è un potentissimo canale di vendita, e il successo è possibile solo se dietro c’è un progetto, per questo motivo è consigliabile affidarsi ad esperti del settore, sia per lo sviluppo del sito web che per la pianificazione di una strategia di marketing e di vendita online. 


Dopo aver analizzato i pro e i contro, nel prossimo articolo vedremo come funziona nel dettaglio un e-commerce e quali sono i fattori che ne determinano il prezzo.

Our latest updates

What's Happening?